giovedì 8 marzo 2012

Torta Mimosa con crema Chantilly al limone



8 marzo:
FESTA (?) DELLA DONNA ricorrenza amata/odiata indifferentemente da noi donne... 
Perché? Quante donne conoscono l'esatta origine di questa non direi festa ma piuttosto ricorrenza?
Forse non tutti sanno che proprio l'8 marzo 1908 in una fabbrica tessile NewYorkese morirono arse vive 129 donne letteralmente chiuse in fabbrica dal padrone della stessa per mettere fine alle loro proteste.

Le donne da giorni protraevano uno sciopero di protesta contro le loro disumane condizioni lavorative... e furono così messe a tacere! 
Da allora l'8 marzo è diventata una ricorrenza, la data simbolo del riscatto delle donne, di quelle donne che in nome di un loro diritto hanno perso la vita per rivendicarlo! 
Questo solo a dover di cronaca, per dire a chi "detesta" questa data, che forse quello che disturba è l'uso solo commerciale che oggi se ne fa!
In realtà il fondamento, l'origine di questa ricorrenza è ben diversa da "un giorno di libertà" da passare con le amiche o a veder spogliarelli maschili!
Ecco questo personalmente è l'aspetto di questa ricorrenza che maggiormente detesto... vedere tavolate di donne "ocheggianti" mi sembra il peggior modo per ricordare l'origine di questa festa...
Detto ciò, ancora una curiosità, perché la mimosa?
La mimosa, fiore simbolo della nostra festa, pare invece abbia origine più tarda.
Nel 1946 infatti si scelse questo fiore come simbolo della Festa della Donna.
Fiorisce proprio in questo periodo, è umile e poco costosa, simbolo della primavera, del risveglio della natura e sta ad indicare il rinnovamento nella condizione femminile, il risveglio della coscienza di donna e di persona libera.
Dopo questa lunga premessa allora, vorrei fare una dedica speciale.
Dedicarmi e dedicarci proprio oggi questo delicatissimo e profumato dolce: la
 torta mimosa
Non l'avevo mai fatta prima d'ora, ma era una di quelle torte che mi ero sempre ripromessa di provare a fare, quindi quale occasione migliore di oggi?
E vai, torta mimosa sia.

A tutte le donne che in modi diversi ancora oggi devono rivendicare qualche loro diritto, ma non possono, a tutte quelle che lottano per farsi spazio, per sopravvivere, per tutelare i propri figli, a tutte quelle che hanno ancora sogni e desideri irrealizzati, che rimangono nel cassetto sacrificati in nome di qualcos'altro di più importante...

Perché per noi donne le priorità e le possibilità non sono sempre uguali a quelle maschili!
A chi invece nonostante tutto, del suo sogno ha coraggiosamente scelto di fare una realtà. 
A tutte davvero tutte le donne indistintamente.
A tutte le meravigliose donne che accompagnano la mia vita quotidiana, 
che in modi diversi mi aiutano e mi sostengono. 
A tutte noi... e a chi se la sente di festeggiare con me: buona festa!
Infine, ma non certo per importanza, alle donne straordinarie della mia famiglia, nonne, mamma e sorella, che hanno fatto di me ciò che oggi sono.
Grazie di vero cuore! 


L'esecuzione della ricetta della torta mimosa è un pò laboriosa, ma vi assicuro che ne vale davvero la pena.

Ingredienti:

Per la base:
  • 3 uova
  • 120 g di zucchero a velo
  • 125 g di farina manitoba
  • la scorza grattugiata di un piccolo limone non trattato
  • 4-5 g di lievito per dolci
Per la Bagna al limoncello: 

  • 150 g d'acqua
  • 75 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di un piccolo limone non trattato 
  • limoncello qb (quantità a piacere) io uso il mio questo qui 
  • 200 ml di latte fresco intero 


Per la Crema Chantilly al limone:

  • 50 ml di limoncello io uso il mio questo qui 
  • 1 uovo intero 
  • 75 g di zucchero 
  • 40 g di farina 00 
  • la buccia di un limone non trattato 
  • 100 g di panna fresca



Procedimento:

Per la base:
Con l'aiuto delle fruste elettriche sbattete molto bene a crema le uova con lo zucchero, finchè potrete scrivere (il famoso 8 senza che si cancelli subito). Ora setacciate la farina col lievito ed aggiungetela delicatamente e poco alla volta alla crema, con l'aiuto di una spatola, cercando di incorporare aria con movimenti dal basso verso l'alto. Ora aggiungete la scorza di limone e ponete l'impasto in una teglia imburrata ed infarinata dal diametro di 20 cm. Cuocete in forno ventilato a 175°C per 30-35 minuti. Per verificare la cottura fate sempre la prova stecchino.


Per la Bagna al limoncello:
Preparate la bagna facendo bollire a fuoco vivo, per circa 15 minuti, l’acqua con lo zucchero e la buccia di un limone (utilizzate il pelapatate). 
Aspettate che si intiepidisca ed aggiungete del limoncello, in quantità a piacere, secondo il vostro gusto.

Per la Crema Chantilly al limone: 
Mettete in un pentolino il latte e il limoncello e la buccia di limone e portate quasi a bollore. Nel frattempo in un altro pentolino sbattete bene l'uovo con lo zucchero. Aggiungete la farina setacciata e amalgamate bene. Dopo aver eliminato la buccia di limone, versate il latte caldo e fate rapprendere a fuoco bassissimo mescolando sempre. In 3 minuti circa è pronta. Fate raffreddare completamente la crema al limone ed aggiungete la panna montata leggermente zuccherata (io di solito metto 10 gr di zucchero per ogni 100 ml di panna), mescolando delicatamente per non fare smontare il composto, in modo da ottenere una crema chantilly al limoncello.


Assemblaggio della torta: 
Dopo aver fatto raffreddare bene la base, eliminate delicatamente la crosticina superiore aiutandovi con un coltello e livellando bene il pan di spagna. Ora tagliate superiormente un disco dello spessore di circa 1 cm e mettetelo da parte. Scavate delicatamente nell'interno la base restante in modo da formare un incavo al centro della torta in cui successivamente inserirete la crema. La parte interna della torta che avrete scavato sarà quella che andrà a formare l'effetto mimosa. Tagliatela a cubettini e mettetela da parte. Ora bagnate la parte dell'incavo con la bagna al limoncello. Farcite l'incavo con la crema chantily al limone preparatala, sovrapponete il disco tenuto da parte bagnandolo prima con la bagna al limoncello e poi ricopritelo di crema. Con l'aiuto di una spatola, glassate bene con la crema anche i bordi della torta e poi decoratela coi cubettini di mimosa tenuti da parte facendoli aderire delicatamente. 

Decorate se vi piace spolverizzando la superficie con zucchero a velo e con qualche fragolina. Io ho utilizzato dei taglia-biscotti per tagliare le fragole e dar loro la forma di cuoricini!




30 commenti:

  1. Io adio quello in cui questa festa è stata trasformata....cioè un evento puramente commerciale!! Ogni giorno bisogna lottare perchè quello che è successo a quelle lavoratrici non succeda a nessuna donna, in nessuna parte del mondo!!!!
    Condivido con te una bella fetta della tua torta e ti faccio fanta auguri!!!!

    RispondiElimina
  2. Ti sei mai trovata in un locale la sera dell'8 marzo? C'è da vergognarsi!! Nuvole di donne che pensano di poter dire e fare quello che vogliono. Non credo sia il modo giusto per ricordare la tremenda fine delle 129 donne arse vive.
    Giustissima la commemorazione, no al consumismo e al ridicolo!!
    La mimosa, fiore, mi piace tantissimo, adoro anche il suo profumo!!!!!
    E la tua torta è meravigliosa!!Sei bravissima!!! Semplicemente perfetta!!!!!!!
    Con questo!!!!
    Viva le donne.. sempre!!!!!
    Un bacione tesoro!!!! A prestoooooo!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Non ho mai amato festeggiare questo giorno per il fatto che è stato del tutto svuotato del suo valore intrinseco. A volte mi chiedo se i giovani di oggi sappiano da cosa deriva la celebrazione dell’8 marzo o sia solo un giorno come tanti con una scusa in più per regalarsi mimose e cioccolatini.
    E ciò che bisognerebbe non dimenticare è che una donna è donna 365 giorni l’anno e non solo oggi, il rispetto va mantenuto tutto l’anno e non solo in questa occasione.
    “polemica” a parte...agguanto una fetta della tua golosissima torta ^_^ Ma che pazienza hai avuto sorellina a ritagliare anche i cuori di fragole! Mitica che sei, quel piccolo tocco rosso in un campo giallo rende la torta ancora più bella. Un abbraccio grandissimissimo e tanti auguri
    TVB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, eh, non sarà per questo che siamo sorelle? ;) Concordo con te pienamente Fefè! Per la pazienza... bè, sai che le biologhe son certosine... una delle pochissime doti che ho... le uso!!! ;) Un abbraccio strettissimo TVTB anche io!

      Elimina
  4. La torta è bellissima, mi piacciono moltissimo le fragoline a forma di cuore.
    Condivido ogni singola parola che hai scritto. In questa giornata le donne impazziscono, fiori, regalini, pizza, festeggiano un qualcosa di cui non conoscono neanche il significato.
    Brava Anastasia!
    Un bacione grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Giovanna!!! Purtroppo oggi, non ci si sofferma più su quasi niente! La superficialità, non ci fa "assaporare" la vita, come si dovrebbe, ci rende solo "consumatori" e basta! Invece di occasioni per riflettere ogni tanto c'è bisogno e almeno una volta all'anno ricordare tutte le piccole e grandi donne che hanno cambiato e continuano a cambiare il corso della storia è a mio avviso buona cosa!!! A questo per me serve l'8 marzo! Un bacio anche a te! Grazie!

      Elimina
  5. Roxi,Lory, concordo esattamente con voi!!! Anche io non sopporto il fatto che questa ricorrenza sia stata trasformata in FESTA, con il solo scopo di lucrarci sopra.. come al solito!!!
    Il danno è che siamo state proprio noi donne, o almeno alcune di noi ad aver "ceduto" e a stare al gioco...
    Personalmente non ho mai festeggiato e non intendo farlo, proprio perchè non sopporto vedere certe scene pietosissime... Credo però che sia importante dedicarci un giorno specifico per riflettere su ciò che le donne hanno fatto in passato e contiunano a fare nella società...
    In ogni caso... la torta ce la mangiamo, no? ;) un abbraccio sincero anche a voi!!!

    RispondiElimina
  6. l'8 marzo per me è sempre stato il giorno del ricordo, nel post di oggi l'ho spiegato molto bene. Posso aggiungere che trovo patetiche quelle donne che oggi ringraziano per i fiori e domani accettano gli schiaffi anche virtuali o psicologici. Io sono per il rispetto della libertà delle scelte di tutti nessuno è superiore e nessuno è inferiore.
    Complimenti per la pazienza che hai avuto per preparare questa meravigliosa torta e quei tenerissimi cuoricini!
    buon 8 marzo !
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello questo tuo pensiero Alice! Grazie di averlo condiviso! In particolare condivido il rispetto per la libertà di tutti e il fatto che nessuno è superiore e nessuno è inferiore! Bellissimo! Grazie!

      Elimina
  7. CARA ANY...in realtà tu non detesti questa festa, anzi come me la senti nel profondo. Lasciamo andare le ragazze a vedere i fusti che si spogliano tanto non fanno male a nessuno. Mai come adesso invece dobbiamo ritornare sulla questione perché nonostante tante parole e tanti fatti, la situazione delle donne in molti luoghi del mondo resta inenarrabile. NOn ci dobbiamo neanche allontanare troppo se guardiamo la nostra cronaca. Donne uccise dai propri compagni, mariti, fidanzati....il gesto di uscire a guardare uno spogliarello maschile lo interpreto così: un esorcismo contro la paura, la grettezza e la disumanità. Non esiste essere più luminoso e bello di una donna e se ci pensiamo è quello più vicino al divino, per il solo e semplice fatto di poter generare una nuova vita. Io penso che dobbiamo rispettare questo giorno, fregarsene della speculazione consumistica, e sentirlo dentro, come nonostante tutto tu dimostri di sentire. Ti abbraccio cara e auguri sinceri. Pat

    RispondiElimina
  8. Cara Patty, forse non si è ben capito il mio pensiero!
    Quello che detesto non è l'8 marzo in sè, ma che questo giorno sia stato trasformato in una FESTA, quando in realtà è una ricorrenza!
    Non mi piace festeggiare, ma celebrare sì, perchè non voglio ergermi "contro" nessuno, per cui non piace nemmeno l'idea che "le donne debbano a priori esser considerate migliori degli uomini" o viceversa.
    Detto ciò, sono orgogliosa e felice di essere donna... ma non "solo per questo" mi sento migliore degli uomini.
    Ci sono donne che stimo, ma amche uomini che col loro atteggiamento fanno una differenza nelle nostre vite!
    Sono per il rispetto, delle differenze come delle somiglianze dell'umanità nella sua totalità.
    Se c'è qualcosa da celebrare oggi è certamente il coraggio di tante donne che nel loro silenzio quotidiano lottano per trovare un loro spazio e per quelle che in passato l'hanno fatto aprendorci un varco!
    E ricordare che ancora molto c'è da fare, come giustamente ricordi anche tu, per la nostra dignità, ma non solo per noi donne...
    In quanto allo spogliarello, se a noi per prime dà fastidio sentirci "donne oggetto" non dobbiamo alla prima occsasione essere le prime a fare altrettanto con gli uomini, ridurci allo stesso livello di chi ci sfrutta, mi sembra davvero triste!
    In ogni caso non condivido, ma ciascuna è libera di "esorcizzare" come crede... Ti abbraccio anche io! Buon 8 marzo! ^___^ Any

    RispondiElimina
  9. Grazie per questo post!!! è esattamente ciò che odio io di questa giornata!!! Per il resto è una data importante.. da ricordare semrpe! Grazie per la mimosa.. baci :-D

    RispondiElimina
  10. Ciao,complimenti per la torta, queele fragoline messe lì a forma di cuore sono stupende!!!
    Un abbraccio grande e tanti cari AUGURI anche a te.

    RispondiElimina
  11. che bella la torta, anche a me han colpito i cuori di fragola, brava!
    ciao.

    RispondiElimina
  12. Sono assolutamente d'accordo con te. Non amo i festeggiamenti da oche lasciate libere per l'aia di molte donne in questa giornata. La vedo più come una giornata di riflessione, un giorno in cui ci si debba rendere conto che non è con il "Girl Pride" che si ottengono determinati diritti. Ben vengano allora le giornate di riflessione e di discussione, i dibattiti su argomenti che purtroppo ci toccano ancora (infibulazioni, violenze fisiche e non solo, discriminazioni sul lavoro).
    Grazie per la mimosa :)

    RispondiElimina
  13. Ciao cara!
    Non amo questa festa se non come giorno di riflessione, mai come se fosse la festa di una categoria, perchè non c'è la festa dell'uomo?
    Non è normale dover pretendere dei diritti là dove è il maschio ad essere limitato.
    La tua torta mimosa è certamente ottima, la mangerei tutti i giorni dell'anno!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Vedo che il mio pensiero è ampiamente condiviso.. non aggiungo altro ai tanti commenti che hanno preceduto questo perché anche per me dovrebbe avere tutt'altro senso questa giornata. Ma un bella fetta di torta me la prendo anch'io! Un bacione dolce Any

    RispondiElimina
  15. Ciao cara, sul festa sorvolo, ma sulla tua torta noooooooooooo, bella e sicuramente una delizia..

    RispondiElimina
  16. Che bella questa mimosa! E quei cuoricini fragolosi la rendono così romantica e tenera! Non festeggio questo giorno, sono una di quelle che pensa che la donna andrebbe festeggiata ogni giorno, mostrando anche solo un pò di gratitudine nei suoi confronti, ma ogni scusa è buona per pasticciare no!? :-)

    RispondiElimina
  17. Anyyy anche se in ritardo...buona festa della donna!!Conoscevo già la vera storia dell'8 marzo e mi sembra giusto ricordare!Il tuo post è davvero bello e la tua torta è bellissima e quelle fragoline poiii la rendono davvero romantica! un bacione grande :)

    RispondiElimina
  18. Bellissimo post e bellissima torta!
    buon fine settimana.

    RispondiElimina
  19. mi piace il tuo blog :) splendide ricette e ti seguo con piacere :) se ti va passa da me anche se sono alle prime armi :) ciao :)

    RispondiElimina
  20. Grazie cara.... che torta meravigliosa...... ne gradirei una fettina! Baci

    RispondiElimina
  21. bellissimo post...e condivido tutto tutto tutto...il tuo pensiero!
    e ogni giorno dovremmo ricordare quelle donne che hanno sacrificato la loro vita per rivendicare i propri diritti!
    la tua mimosa è spettacolare! e dal un bel pò che che non la preparo...mi sa che un giorno di questi la faccio!
    bacioni

    RispondiElimina
  22. complimenti fantastica,passa da me che ti mostro cosa ho fatto in questi giorni

    RispondiElimina
  23. Ciao, ho visto che hai preparato anche tu la torta Mimosa. Ottima! Anch'io l'ho fatta x la prima volta. Ciao...

    RispondiElimina
  24. che bella torta, mi ricorda le vacanze passate in abruzzo dove ne avevamo fatta fare una enorme per un compleanno.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  25. la torta mimosa ha sempre il suo fascino....ma lo sai che io non l'ho mai preparata?
    mi segno al tua ricetta, ti è venuta meravigliosamente!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie di cuore di essere passati di qui! ^___^
Se vuoi lasciarmi un commento sarò lieta di rispondere!
I commenti anonimi verranno cestinati, se vuoi inserire un commento, ma non possiedi un account puoi commentare con un Open ID scegliendo nel menù a tendina "commenta come". Grazie.
A presto Any

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF